Informazioni

Sbilanciamoci è un invito a partecipare alla scelta su come investire soldi pubblici, tramite il Bilancio Partecipato. Il BP è una conquista recente dei paesi di democrazia più avanzata, uno strumento che ogni comunità modella su di sé e che la nostra città ha iniziato a sperimentare lo scorso anno, con un primo risultato concreto ed importante: la realizzazione di tre progetti proposti dai cittadini.
L’edizione 2009 del BP di Monte Porzio Catone si spinge ancora oltre, proponendo significative novità che non hanno uguali, in termini di democrazia, nel panorama dei processi partecipativi italiani. Ai cittadini non si chiede soltanto di esprimere pareri o suggerimenti dei quali l’Amministrazione terrà conto - come accade in molti altri Comuni d’Italia - ma di decidere realmente cosa fare, con un voto vero e proprio, un voto dal quale sono esclusi tutti i rappresentanti del governo locale. Monte Porzio Catone, dunque, si propone come sperimentatore di pratiche decisamente innovative, a confronto con i vari processi verso la democrazia reale, invitando i suoi cittadini a “sbilanciarsi”, non semplicemente a parole, ma su risorse e fatti concreti. Anche la Regione Lazio ci crede: a questo scopo infatti incoraggia i Comuni ad avviare processi partecipativi mettendo a disposizione fino a 300 mila per un’opera pubblica e altrettanti per un’azione di sviluppo socio-economico individuate insieme
ai cittadini.

Il BP 2008 ha permesso di realizzare, con i fondi comunali, tre progetti proposti dai cittadini:
educazione al movimento per persone affette da sclerosi multipla, un laboratorio artistico-musicale letterario e il Centro Giovani “EX”, appena inaugurato. Un risultato positivo a cui il Comune di Monte Porzio ha voluto dare un seguito.
Per Sbilanciamoci 2009 la posta è più alta, in tutti i sensi. Quattro “linee”, quattro opportunità di dire la propria, tutte percorribili dallo stesso cittadino: la scelta di un’opera pubblica fra le 6 proposte dal Comune (linea gialla) e la scelta di un’azione di sviluppo socio-economico, fra le 5 proposte dal Comune (linea rossa) - progetti con i quali il Comune concorre ai fondi messi a disposizione dalla Regione Lazio per progetti individuati mediante processi di partecipazione. E ancora altre opportunità per il BP comunale: proporre e poi votare un progetto da realizzare con i soldi messi a disposizione dal Comune (linea verde), e segnalare problemi, apprezzamenti, auspici (linea celeste). Nuova la modalità di consultazione, per dare più peso e concretezza alle volontà dei cittadini, che sono chiamati ad esprimersi con un voto diretto: il Consiglio comunale prenderà atto della scelta popolare. La politica resta fuori: consiglieri e assessori comunali, provinciali e regionali, partiti politici e sindacati non hanno diritto di voto. Si punta poi sulla concretezza: i progetti vincitori del BP comunale 2009 saranno realizzati dal Comune. Altro punto di forza, la trasparenza: on line sarà possibile seguire passo passo l’andamento della campagna BP (progetti, voti...), e una rappresentanza dei cittadini proponenti potrà seguire la fase di realizzazione dei progetti del BP comunale (linea verde).

LE REGOLE DEL GIOCO

Possono partecipare a Sbilanciamoci 2009 tutti gli abitanti di Monte Porzio Catone, italiani e stranieri, che abbiano compiuto o compiano 16 anni entro il 2008.

Ogni cittadino può sottoscrivere o votare una sola volta ed un solo progetto per percorso (un voto per scheda gialla, uno per scheda rossa, uno per scheda verde). Può invece inviare più segnalazioni (scheda celeste).
Si può votare:
- su carta con le apposite schede. Il kit che vi è stato recapitato a casa ne contiene una sola, ma è possibile richiederne altre all’Urp del Comune oppure scaricarne e stamparne altre da questo sito. Le schede su carta andranno consegnate all’Urp del Comune (via Roma. Orari: lun-ven. 8.30-12-30 mar e gio anche 15.30-17), ai punti di raccolta su strada, durante le assemblee (vedi caledario). Le schede su carta hanno valore di sottoscrizione, passaggio necessario per raggiungere le prime 100 firme, minimo richiesto nei bandi regionali per la linea gialla e la linea rossa.
- on line
La politica resta fuori: consiglieri e assessori comunali, provinciali e regionali, partiti politici e sindacati non hanno diritto di voto. Si punta poi sulla concretezza: i progetti vincitori del BP comunale 2009 saranno realizzati dal Comune. Altro punto di forza, la trasparenza: on line sarà possibile seguire passo passo l’andamento della campagna BP (progetti, voti...), e una rappresentanza dei cittadini proponenti potrà seguire la fase di realizzazione dei progetti del BP comunale (linea verde). E’ necessario rispettare le scadenze indicate per ciascuna “linea”.
- Si può votare una sola volta per ciascuna linea (gialla, rossa, verde). I voti doppi saranno scartati.
- Per garantire una base di consensi ampia, ovvero che i progetti siano davvero voluti dai cittadini, la Regione Lazio ammetterà al concorso solo i progetti della linea gialla e linea rossa che avranno superato i 100 voti su carta. Per queste due “linee” il Comune concorrerà con l’opera pubblica e con l’azione di sviluppo socio economico più votate dai cittadini.
- Per lo stesso motivo, è necessario che i progetti presentati per il Bp comunale (linea verde) siano firmati da almeno 10 cittadini proponenti.

INFORMATIVA SULLA PRIVACY

Per garantire la trasparenza, sollecitare il senso di responsabilità individuale e di fiducia reciproca e per consentire la correttezza delle procedure di partecipazione, è necessario compilare le schede BP con tutti i dati richiesti. Non è consentito attribuirsi l'identità di altre persone. I moduli anonimi o non correttamente compilati non verranno presi in considerazione. I dati forniti saranno trattati nel rispetto della vigente normativa sulla privacy ai soli fini del corretto svolgimento della consultazione per il BP.

Ai sensi del decreto legislativo 196/2003 si informa che i dati personali forniti sono oggetto di trattamento nel rispetto delle norme vigenti solo ed esclusivamente da parte di personale appositamente incaricato per finalità connesse allo svolgimento dell’iniziativa di partecipazione cui si riferiscono nonché al fine di segnalare e promuovere future iniziative di partecipazione. I dati sono riprodotti su supporto informatico e conservati nei rispettivi archivi cartaceo e informatico. Ai sensi dell’art. 7 del D. Lgs. 196/2003 i diritti riconosciuti al soggetto interessato (accedere e ottenere informazioni circa i dati trattati, richiedere la cancellazione, l’integrazione dei dati, opporsi al trattamento, ecc.) possono essere esercitati scrivendo al Comune di Monte Porzio Catone.

Nelle operazioni di voto, cartaceo e on-line, l'utente autorizza automaticamente il Comune di Monte Porzio Catone al trattamento dei propri dati personali ai sensi del D. Lgs. 196/2003.