Un bus di linea della Cotral condotto da un 34enne romano ha investito ieri pomeriggio in via degli Olmi a Rocca Priora, un bambino di nove anni procurandogli gravi ferite agli arti inferiori. Il bimbo, trasportato subito al pronto soccorso dell’ospedale di Frascati da un cittadino di Rocca Priora che si trovava lì sul luogo, è stato giudicato affetto da uno scuoiamento al piede e all’avanpiede destro, ha un vistoso ematoma sul dorso piede e sul malleolo e ha subito l’amputazione del primo e del secondo dito del piede sinistro. Ora è ricoverato al Bambin Gesù di Roma, in prognosi riservata ma non in pericolo di vita.

I carabinieri di Rocca Priora hanno indagato per ricostruire la dinamica dell’incidente, ascoltando anche le testimonianze dei passeggeri. L’autista, risultato negativo all’etilometro, era molto turbato: è svenuto e sono stati gli abitanti della zona a dargli acqua e zucchero subito dopo l’impatto. L’incidente è avvenuto nei pressi della fermata del bus nel paese, davanti al parco della Madonna della Neve riaperto da pochi mesi. Secondo le ricostruzioni, il bambino è stato investito mentre, uscito dai cancelli del parco giochi che dà proprio sulla fermata dell’autobus, attraversava all’improvviso la strada per raggiungere un amichetto sul marciapiede opposto. L’autobus procedeva a velocità ridotta, ma non è bastato a scongiurare l’impatto. Dagli accertamenti non emergerebbero quindi responsabilità a carico dell’autista: l’incidente sarebbe stato una malaugurata casualità.

Il 25 luglio scorso un altro incidente ha scosso la cittadina di Rocca Priora, un uomo sul motorino è rimasto ucciso in via Molara, zona chiamata Buero dai roccaprioresi, dopo lo scontro con una macchina che con poca visibilità ha attraversato la via brucando la priorità al mezzo su due ruote. Due incidenti gravi quest’estate che mettono in cattiva luce le strade della città. Adesso tocca all’amministrazione locale che dovrà più che rifare il bianco della segnaletica pensare  e agire anche per la sicurezza dei suoi cittadini. Gli alberi e le erbacce che togliono visibilità sulla via del Buero non sono stati ancora  ripuliti, ma il giorno dopo l’incidente le stricce degli stop erano tutte rifatte per bene. Basteranno? Sul luogo dell’incidente di ieri , niente stricce pedonali o dossi per fare ralentare le macchine di fronte all’ingresso dei giardinetti,  tra l’altro nascosto  dall’angolo della chiesa per le macchine che scendono. Niente che assicura un passaggio pedonale ai giovani e meno giovani che escono dal parco direttamente sulla fermata del pullman. C’ è chi aveva già segnalato degli eventuali problemi di sicurezza all’amministrazione durante l’inaugurazione del parco. Tuttavia, dai primi riscontri sembrerebbe un incidente casuale. Al momento le indagini escluderebbero responsabilità da parte del conducente del mezzo. L’autobus è stato posto sotto sequestro.

Crazie alla squadra di Joovy-Zoom-360-Ultralight-Jogging stroller per sponsorizzare questo post.